Sessioni - congresso2019

Vai ai contenuti

Menu principale:

Sessioni

I contributi al Congresso saranno organizzati nelle seguenti sessioni:

1. Sistemi di osservazione dell’atmosfera per la meteorologia, l’ambiente e il clima
Strumentazione, metodologie e algoritmi innovativi per il profiling atmosferico (temperatura, umidità, vento, ozono, …), caratterizzazione delle nubi, composizione chimica dell’atmosfera, qualità dell’aria, processi di superficie, meteorologia aeronautica. Data storage, post-processing e metodi per la definizione di dati livello 1-2-3, tecniche e metodi di validazione.
a. Misure da satelliti meteorologici e ambientali (quali, ma non solo, METOP, Suomi NPP, Meteosat, GOES16/17, FY-3/4, Himawari, EPS-SG, Sentinelle, COSMO- SkyMed, …). GNSS-meteo per la stima del contenuto di vapore acqueo in troposfera e temperatura in stratosfera.
b. Misure in situ e di telerilevamento da terra: stazioni meteorologiche, radiosonde, RADAR, LIDAR, SODAR, RASS, radiometri e spettrometri a onde corte, onde lunghe e microonde, ...
c. Crowd sourcing per le scienze dell’atmosfera e del clima, progetti digitalizzazione dati, distribuzione e diffusione, e.g., programma COPERNICUS dell’Unione Europea.

2. Meteorologia dinamica e sinottica, previsioni operative del tempo
Sviluppo e utilizzo di modelli e metodologie per la previsione meteorologica numerica a diverse scale spaziali e temporali (dal nowcasting, alla scala sub-seasonal e seasonal), per applicazioni operative e di ricerca. Metodi di assimilazione di dati convenzionali e non. Validazione e verifica dei modelli. Meteorologia in ambito operativo, previsioni operative e tecniche previsionali, organizzazione sala operativa e problematiche, tecniche di post-elaborazione e comunicazione, eventi estremi e relative allerte.

3. Processi dello strato limite atmosferico e interazioni superficie-atmosfera
Misure e modelli dei processi turbolenti nello strato limite atmosferico, e loro applicazioni ai bilanci idrologici e alla gestione delle risorse idriche, agli ecosistemi, all’agricoltura, alle risorse energetiche rinnovabili, alla qualità dell’aria, alla formazione della nebbia e della sua evoluzione, e del loro impatto sulla accuratezza delle previsioni di fenomeni della bassa atmosfera. Applicazioni delle scienze dell'atmosfera allo studio del microclima per la conservazione dei beni culturali, e alla valutazione del possibile impatto di vari fattori ambientali, inclusi i cambiamenti climatici, sulla conservazione dei monumenti, degli edifici storici, e dei beni in essi conservati.

4. Eventi intensi
Caratterizzazione e analisi, sia mediante analisi di osservazioni che di simulazioni numeriche, di eventi meteorologici particolarmente significativi, per le ricadute sui rischi idrogeologici e ambientali e sulla sicurezza delle infrastrutture e dei trasporti; ricadute atmosferiche di eventi naturali estremi (es. eruzioni vulcaniche); impatti locali e globali.
Eventi estremi e possibili connessioni con i cambiamenti climatici.

5. Oceano
Interazioni aria–mare, meteorologia marittima, strumenti a supporto della navigazione e della gestione delle risorse marine, processi accoppiati oceano-atmosfera. Fusione dei ghiacci. Fenomeni di inquinamento. Tecniche e metodi di mitigazione dell’erosione costiera.

6. Clima
Recupero, ricostruzione e analisi di serie storiche per la caratterizzazione del clima; interazioni atmosfera-litosfera-biosfera-oceano-criosfera; variazioni della composizione chimica dell’atmosfera a scala globale e relativi processi; valutazione dei cambiamenti climatici in atto, scenari e proiezioni dei cambiamenti climatici attesi, anche alla luce di politiche di mitigazione e sostenibilità; osservatori storici e osservatori d’alta quota.

7. Processi dell’alta atmosfera, Space Weather e atmosfere planetarie.
Sistemi e strumenti per le osservazioni dell’alta atmosfera (comprese la magnetosfera, la ionosfera, e la termosfera), interazioni con il vento solare; osservazioni e servizi di Space Weather; composizione e processi delle atmosfere planetarie.

8. Comunicazione e formazione
Comunicazione della meteorologia: uso di nuove tecnologie per la divulgazione dell'informazione meteorologica (app, siti web, video), nuove tecniche di rappresentazione delle informazioni meteorologiche (mappe composite, nuovi post processing, ecc), comunicazione efficace per sensibilizzare l’opinione pubblica sui cambiamenti climatici, strategie di comunicazione efficace su tempi e modi di eventi estremi. Ruolo strategico delle associazioni meteo-amatoriali nella veicolazione della corretta meteorologia. Iniziative di formazione scolastica, universitaria e post-universitaria.
 
Associazione Italiana di Scienze dell'Atmosfera e Meteorologia@2019
Torna ai contenuti | Torna al menu